Recensioni librarie: "La Porta Oscura. Il Viaggiatore" di David Lozano


In una fredda mattina di metà marzo, mi vedo arrivare una mail da un noto negozio di libri online. L'editore Salani sta per pubblicare un nuovo libro fantasy-horror e lo offre a un euro alle prime 150 persone che scriveranno una recensione di 500 caratteri sul libro stesso; si tratta de "La Porta Oscura. Il Viaggiatore" di David Lozano.
Decido di cedere a questa bassa manovra di marketing, scaricare il pdf contenente il primo capitolo e scriverne qualche impressione. Dopo qualche giorno di peripezie con il codice di sconto, finalmente mi viene recapitato a casa un pacco con i libri ordinati (ovviamente uno tira l'altro...).
Ammetto di essere partito molto prevenuto, visto che il primo assaggio di quest'opera non mi aveva impressionato sotto diversi punti di vista, e in effetti la prima parte del libro non fa altro che confermare queste impressioni.
Innanzitutto lo stile: essendo scritto per un pubblico di ragazzi, mi aspettavo una scrittura fresca e moderna, mentre mi sono ritrovato ad affrontare uno stile sicuramente molto scorrevole, ma lievemente involuto. Non so se questo sia da attribuire interamente all'autore o se il traduttore ci abbia messo del suo, ammetto la mia estraneità agli scrittori spagnoli; certo è che un autore come Terry Goodkind, ad esempio, si legge ad un ritmo decisamente superiore.
I protagonisti sono ragazzi contemporanei (jeans a vita bassa e boxer di Kalvin Klein in vista) piuttosto stereotipati. Per quanto giovani e immaturi, nascondono in sé il seme del potenziale eroe e non tardano ad adattarsi a situazioni estreme senza eccessivi contraccolpi. La cosa positiva è che evolvono tutti, acquistando un maggior spessore psicologico durante la narrazione.
Ci sono anche alcuni cliché della peggior specie: la porta oscura si trova dentro una cassapanca (-chi ha detto Narnia???-) e si apre una volta ogni cento anni (-cabala decimale?-). Quando? Udite, udite, la notte di Halloween a mezzanotte. Ma dico io, un piccolo sforzo per evadere da queste cose costa così tanto? Ovviamente, ogni volta che la porta nella cassapanca (sigh...) si apre, un personaggio dalla dubbia fortuna ci finisce dentro, diventando il Viaggiatore fra il mondo dei vivi e quello dei morti.
Il purgatorio crepuscolare che Lozano immagina è interessante e dettagliato, come pure le regole che lo governano. Rimarchevole è lo sforzo di distaccarsi da una simbologia di derivazione cristiana, anche se l'obiettivo è stato raggiunto solo parzialmente. Il paragone più diretto che mi viene in mente è con "La bussola d'Oro" di Philip Pullman, anche se il marcato ateismo dell'autore inglese, peraltro completamente distrutto dalla riduzione cinematografica, rimane per ora fuori dalla portata di David Lozano.

Proseguendo con la lettura, la narrazione comincia comunque ad appassionarmi e mi spinge ad arrivare alla fine del libro in brevissimo tempo. "La Porta Oscura. Il Viaggiatore" si rivela nel suo insieme piacevole e piuttosto ben strutturato, e nella sua ultima parte trovo quasi tutti i protagonisti molto più convincenti. Il finale chiude molte parti della vicenda e ne apre altre preparando il terreno per il seguito: nei ringraziamenti apprendo che questo volume è il primo di una trilogia. Dannazione, questo significa che ora dovrò comprare anche gli altri due in una costosissima edizione cartonata... Maledetto marketing, mi hai fregato ancora una volta!
In conclusione, è una lettura consigliata a chi cerca qualcosa di leggero sotto l'ombrellone e vuole tiepide emozioni senza dover riflettere troppo. Per giovani e meno giovani, alla fine le fiabe piacciono un po' a tutti.

 



Add this page to your favorite Social Bookmarking websites
Reddit! Del.icio.us! Mixx! Free and Open Source Software News Google! Live! Facebook! StumbleUpon! TwitThis Joomla Free PHP

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Prossimi eventi

No events
Last month June 2019 Next month
S M T W T F S
week 22 1
week 23 2 3 4 5 6 7 8
week 24 9 10 11 12 13 14 15
week 25 16 17 18 19 20 21 22
week 26 23 24 25 26 27 28 29
week 27 30